“Come un gatto in tangenziale”, incontro-scontro Albanese-Cortellesi tra ceti sociali

Riccardo Milani per la seconda volta compone l’ottima e ben assortita coppia comica Albanese-Cortellesi in “Come un gatto in tangenziale”. Non si tratta però ne’ di un prequel né di un sequel, tutta un’altra storia e altro film rispetto al precedente “Mamma o papà?”. Da una parte una coppia con una grandissima alchimia e complementarietà nei tempi comici, dall’altra i rispettivi personaggi decisamente distinti e distanti. Lui progressista, intellettuale, benestante, vive in centro con un lavoro che si occupa di analisi delle politiche pubbliche e sociali destinate alle periferie. Lei ex cassiera, ora precaria, un marito in galera, vive in una periferia molto complicata. Il gap sociale e culturale viene evidenziato interamente e impietosamente in tutta la sua dimensione dal flirt tra i loro figli adolescenti. La storia mette in discussione le loro certezze e convinzioni, costringendoli allo sforzo di capire le ragioni degli altri, conoscendole “sul campo”. Vision Distribution porta il film in ben 500 sale. Dal 28 dicembre al cinema.

Giornalista Riccardo Farina
Post produzione Giulio Riservato